Scrivete a Leonardo Caboni

E-mail
Esposizioni
Album
Gatti
Articoli & Riviste
Cataloghi
Libri

 

Testata

LEONARDO CABONI

Mostra Personale

5 aprile - 12 maggio 2012

Galleria d´Arte DAVICO - TORINO


(Per vedere gli ingrandimenti, cercare in ´´Opere´´ il quadro nell´anno corrispondente)

Emilio Gargioni

´´Una malinconia crepuscolare´´

2011-Verso_sera-Personale

2011 - Verso sera - olio e tempera su tela su tavola 70x30

Prima di scrivere questo testo, ho voluto porre una serie di domande a Leonardo Caboni, dopo aver ricevuto una ventina di immagini di quadri che fanno parte di questa esposizione personale. Come sempre, le sue opere sono di eccellente qualità pittorica e colpiscono per una tecnica che definirei esteticamente maniacale, tanto sono realisticamente perfette ma, questa volta, più delle precedenti, ho percepito e quasi respirato un´atmosfera di malinconia e di solitudine ancora più sentite che in passato.

Foto dei quadri
di
Ferdinando GATTA

Ferdinando Gatta

info@ferdinandogatta.com

Gli ho chiesto, pertanto, quali fossero stati gli spunti e gli stati d´animo che hanno ispirato queste ultime tele.
Credo che alla malinconia – mi ha risposto Caboni – non si possa sfuggire. C´è chi cerca di evitarla e chi, come me, ci convive, rendendola così piacevole e, perché no, anche accogliente…
Quanto alla solitudine, parlerei piuttosto di introspezione… Però è pur vero che quando si è introspettivi si è soli…

A detta dell´artista i personaggi introspettivi che popolano i suoi quadri hanno bisogno obbligatoriamente dell´unione profonda con la natura, proprio per poter essere se stessi e… continuare a vivere. Ecco perché gli animali – i gatti in particolare – sono spesso accanto alle figure dei protagonisti maschili, proiezioni costanti dell´autore che li sente come autoritratti mentali.

2012-L'Epifania-Personale

2012 - L'Epifania - olio e tempera su tela su tavola 90x39

2012-Prodigio_controluce-Personale

2012 - Prodigio controluce
olio e tempera su tela su tavola 84x114

Molti gli altri animali che compaiono nelle tele di Caboni: a suo dire lui si trasforma anche negli animali dipinti perché tutti dotati di sentimento…       Si capisce chiaramente che non si stancherebbe mai di dipingerli, sia che si tratti di maliziosi conigli, sia che ci si trovi di fronte ad uno stupefacente rinoceronte dipinto come un totem illuminato al tramonto, o che si incontri il muso dolce e amichevole di un pacifico somaro solitario nella neve…

2012-Tondo_d'asino-Personale

2012 - Tondo d'asino - olio su tavola diam 20 cm

2012-La_meta_della_sera-Personale

Animali in primo piano o soltanto accennati ma sempre presenti perché essi significano, per Caboni, la gioia e la serenità della natura. Animali che spesso danno vita ad un piccolo palcoscenico il cui sfondo è il tramonto, interpretato in miriadi di maniere, maestoso oppure grigio, roseo oppure triste, violaceo oppure pieno di nuvole ovattate e irrorate di luce.

2012 - La meta della sera
olio e tempera su tela su tavola 62x60

 I tramonti di Caboni sono il suo messaggio di malinconica protezione, quella che il pittore cerca anzitutto per se e quella che vorrebbe spandere sulle persone di questo mondo, rovinato da troppe iniquità.

2012-L'attesa-Personale

2012-Ritratto_di_Mici-Personale

2012 - Doppio ritratto di Mici e Ottavio Mazzonis
cm 81x59 tempera e olio su tela su tavola 2012

2012 - L'attesa
olio e tempera su tela su tavola 61,5x61

 Quella protezione che gli deriva dalla pittura, dall´intimità del suo piccolo studio raccolto dove, in pochi metri quadri, ha tutto ciò che gli occorre: un divano, due cavalletti, una sedia girevole, una scrivania con le cassettiere dei colori, quelle per le tempere e quelle per l´olio. Ogni gruppo di colori con il suo cassetto: quello per i rossi, quello per i blu, quello per i gialli, il pittore si muove così come un farmacista andando a colpo sicuro, senza frugare. E poi una radio sintonizzata su filodiffusione di musica classica, mensole con libri d´arte e cataloghi di mostre, solventi, olii, colle e medium vari. Caboni lavora con la luce elettrica (lampade solari bianche) perché gli consente di poter dipingere anche quando fuori è buio e predilige le ore del primo mattino e quelle del pomeriggio e sera. È molto geloso dell´intimità raggiunta con l´opera che sta dipingendo ed evita attentamente di far vedere ad altri una tela se non terminata e verniciata, unica eccezione, i familiari e… i gatti che sono sempre benvenuti.

 Malinconia, introspezione ma anche invenzioni surreali nelle opere di Caboni, che si manifestano con presenze di varie specie di uccelli a fare da contraltare a situazioni realistiche, spostando su di se i riflettori per diventare i protagonisti evidenti sulla scena di ogni tela.

2011-Soliloquio-Personale

2011 - Soliloquio
cm46x39  olio e tempera su tela su tavola

2012-Arrivi e partenze-Personale

2012 - Arrivi e partenze
olio e tempera su tela su tavola 49,5x63

2011-La_profezia_del_gabbiano-Personale

2011 - La profezia del gabbiano
olio e tempera su tela su tavola 50x45

Vediamo infatti canarini duettare su una antica maschera di Pulcinella, uno stupendo esemplare di ara rosso che si pavoneggia appollaiato su una maestosa consolle seicentesca, un delizioso cardellino che illumina il quadro con il borsone da viaggio, un fringuello multicolore che sembra irridere il gangster Edward G. Robinson Piccolo Cesare, un placido gabbiano che osserva curioso il pescatore di tonno, un morbido barbagianni che assiste al sonno del piccolo Principe di Montenevoso.

2010-I_Canarini_di_Pulcinella-Personale

2010 - I Canarini di Pulcinella

2011-Piccolo_Cesare-Personale

2011 - Piccolo Cesare
olio e tempera su tela su tavola 31,5x42

2012-Il sogno del Principe di Montenevoso-Personale

2012 - Il sogno del Principe di Montenevoso
cm55x55 tempera e olio su tela su tavola

 E linvenzione continua: un ritratto bizantino dell´imperatore Federico II accostato ad una rana, a ricordarci la fiaba del principe ranocchio; una statua del baffuto ed arcigno Vittorio Emanuele II, il re cacciatore, immobile di fronte ad un balletto gioioso di due lepri.

2011-Il_franco_cacciatore-Personale

2011 - Il franco cacciatore
olio e tempera su tela su tavola 55x55

2011-Incantesimo-Personale

2011 - Incantesimo
cm 50x35 olio e tempera su tavola

 Sono questi gli inserimenti di sapore surreale che la maestria di Caboni riesce a collocare nei suoi dipinti, senza turbare l´equilibrio estetico di ogni sua visione immaginaria. Non dobbiamo farci sviare dalle molteplici citazioni visive. Caboni porge a tutti noi un messaggio di serena malinconia, con forza, con coraggio, con cognizione di causa e noi dobbiamo dirgli grazie per questo alone di amore di cui sono permeati i suoi dipinti.

2012-Il_vaso_di_Bradamante-Personale

2012 - Il vaso di Bradamante
cm 52x42 tempera e olio su tela su tavola 2012

2011-Il_gatto_con_gli_stivali-Personale

2011 - Il gatto con gli stivali

2011-La_partenza-Personale

2011 - La partenza
cm60x79,5  olio e tempera su tela su tavola

2011-Conversazione_al_crepuscolo-Personale

2011 - Conversazione al crepuscolo

2011-L'incompreso-Personale

2011 - L´incompreso

2011-Natura_morta_con_Napoleone_e_carillon-Personale

2011 - Natura morta con Napoleone e carillon
olio e tempera su tela su tavola 52x42,5

2012-Favola_breve_La_volpe_e_Il_Fauno-Personale

2012 - Favola breve - La volpe e Il Fauno
cm 53x24 tempera e olio su tela su tavola

2011-L'anniversario-Personale

2011 - L'anniversario  - cm61,5x110  olio su tavola

2010-Contemplatori_di_stelle-Personale

2010 - Contemplatori di stelle

2010-Le_Falene-Personale

2010 - Le Falene 

2009-Vertigine-Personale

2009_L'usignolo_dell'imperatore-Personale

2009 - Vertigine - 2009

2010 - L'usignolo dell'imperatore

2010-L'invito-Personale

2010 - L'invito

UpViolet